In relazione all’evolversi della diffusione di Covid-19 gli eventi presenti sul portale potrebbero essere annullati e/o orari e luoghi potrebbero subire variazioni.

GLI ORTAGGI E LE ERBE SPONTANEE DEL CANAVESE

CAVOLO VERZA DI MONTALTO DORA

La qualità di questo cavolo si distingue dalle altre. Prima della seconda Guerra Mondiale grossisti venivano in Canavese ad acquistarlo per commercializzarlo in Lombardia e in Svizzera e la produzione nei mesi tra novembre e febbraio era di oltre 400 quintali alla settimana. Dopo alcuni anni di oblio, la valorizzazione e il rilancio di questa coltivazione tipica sono ripresi.


Tre modi per gustare il cavolo verza

  • La Supa ‘d pan e còj (Zuppa di pane e cavoli), calda e deliziosa, quando cuoce nel forno sprigiona profumi incredibili, a base di pane raffermo e cavolo tagliato a listarelle, il tutto accompagnato da un buon brodo di vitello e arricchito da burro e formaggio parmiggiano.
  • Il prelibato piatto piemontese a base di acciughe e aglio: la Bagna càuda, è accompagnato solitamente con verdure di tutti i tipi; ma l’ortaggio indispensabile per gustare nei “fojòt”, il caratteristico tegame in terracotta che nella parte superiore ospita la bagna càuda e nel fornelleto sottostante la fiamma che mantiene calda la salsa, è il cavolo!
    La verza di Montatlo Dora con le foglie frastagliate e saporite sono l’ideale per gustare appieno questo piatto della cucina canavesana.
  • “caponèt” canavesani (involtini di cavoli) o Cogn Pin o Pess-Coi 

La sagra del cavolo verza

Ogni anno la Sagra del Cavolo Verza, nata per rilanciare la coltivazione del “cavolo verza”, si svolge nella seconda metà di novembre.
Ed è diventata uno degli appuntamenti più importanti appuntamenti enogastronomici dell’autunno in Canavese.

Nel 1998 nasce l’associazione denominata “Associazione per la valorizzazione e promozione del cavolo verza di Montalto Dora” con la contemporanea stesura del disciplinare di produzione.

AJUCCHE

Le Ajucche sono piante erbacee spontanee perenni e rustiche, crescono tra i 600 e i 2.000 metri di altitudine. I fiori hanno bellissimi colori che passano da blu al violetto. In maggio in Canavese nei ristoranti si possono gustare delle ottime zuppe a base di Ajucche e pane!

La zuppa di ajucche

La zuppa di ajucche è un piatto tipico del Canavese nord occidentale. Viene cucinato in primavera ed è proposto anche nei menù di molti ristoranti della zona: una golosità con toma d’alpeggio, ma non solo, .. Le foglie vengono cucinate in vari modi secondo le ricette delle varie località: tritate nella minestra, preparate come gli spinaci, nella frittata ed in insalata. Possono essere utilizzate anche le radici che, lessate, vengono consumate in insalata.

I nostri servizi

Area Riservata

2020 © CanaveseLab3.0 di Scagnolari Sonia - P.IVA IT11971220014 - Tutti i diritti riservati
X
X
Condividi con un amico
Ti invio questo link perchè penso possa interessarti.

Ortaggi ed erbe spontanee, https://canaveselab.it/ortaggi-e-erbe-spontanee-in-canavese/